Al momento stai visualizzando Ritalin®: un farmaco per l’ADHD che va usato con cautela

Medicinale con indicazione terapeutica specifica per l’ADHD: attenzione alle patologie concomitanti e alle interazioni.

Il Ritalin® è un medicinale con indicazione terapeutica specifica per l’ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, disturbo da deficit di attenzione/iperattività). In particolare questo medicinale contiene il principio attivo metilfenidato cloridrato, molto simile alle amfetamine, che appartiene alla classe degli psicostimolanti.

Generalmente viene prescritto soprattutto in pazienti molto giovani che vanno dai 6 ai 18 anni, che tendono a farne un uso inappropriato e spesso tendono a condividerlo con gli amici che ne abusano per risolvere problemi di concentrazione, sottovalutando la possibilità di incorrere in fenomeni di dipendenza, assuefazione e soprattutto disturbi della personalità.

Questo farmaco, inoltre, non può essere assunto in pazienti con patologie concomitanti come:

  • problemi alla tiroide;
  • glaucoma;
  • patologie cardiovascolari;
  • feocromocitoma.

Oltre alle interazioni con le Patologie concomitanti è coinvolto in diverse interazioni farmaco-farmaco e quelli maggiormente interessati sono:

  • farmaci antipertensivi;
  • farmaci antiepilettici;
  • farmaci per iper- o ipotensione;
  • farmaci anticoagulanti.

Inoltre, si deve fare particolare attenzione a non assumere il Ritalin® in concomitanza con i farmaci antidepressivi inibitori delle monoamino ossidasi con i quali può provocare improvviso aumento della pressione sanguigna.

È necessario inoltre interrompere la terapia e consultare immediatamente un medico se insorgono effetti collaterali come tachicardia, comportamenti psicotici, orticaria, edema, convulsioni e paralisi.

https://www.ilmediconline.it/ritalin/